Trasmissione

  • HPV è un virus ubiquitario, molto resistente e diffuso nell’ambiente. Spesso è presente sulla nostra cute o nelle nostre mucose senza dare alcuna patologia.
  • Può restare inattivo e asintomatico per molto tempo sulla cute e potrebbe  essere trasmesso per via indiretta per la sua capacità di resistere su superfici, oggetti e parti del corpo venute a contatto con mucose infette.
  • Questa sua capacità rende conto della possibilità che infetti anche individui non sessualmente attivi (prevalenza del 2% dell’infezione tra ragazze giapponesi che non hanno mai avuto alcun rapporto sessuale).
  • Via principale: per contatto pelle-pelle o mucosa-mucosa.
  • Per la trasmissione non è necessario un rapporto con penetrazione.
  • I vari tipi di HPV possono essere trasmessi contemporaneamente, dando infezioni multiple (10-15%) che, tuttavia, non sono più a rischio dell’infezione da singolo genotipo.
  • L’HPV viene trasmesso prevalentemente attraverso un contatto sessuale pelle-a-pelle o mucosa-con-mucosa. Il profilattico non protegge completamente dall’infezione (poiché non copre tutta la regione genitale maschile). Tuttavia il suo uso riduce il rischio di infezione vulvovaginale e cervicale nella donna (Kjaer 2005). Il sesso orale sembra porre a maggior rischio di carcinoma del tratto orofaringeo (ma i dubbi sono molti al riguardo). C'è inoltre la possibilità di una trasmissione materno-fetale o, raramente, di trasmissione mediante fomiti o digito-trasmissione (auto/etero-inoculazione).
  • La circoincisione determina una significativa riduzione del rischio di infezione da HPV (Svare 2002; Lajous 2005; Baldwin 2004; Kjaer 2005)
  • L’infezione da HPV è una condizione molto comune e non è una malattia. La trasmissione dell’HPV è molto comune e non è possibile sapere chi l’ha trasmessa e quando. Non importa chi la trasmette, l’importante è la risposta dell’ospite contro il virus.
  • Tra individui appartenenti a coppie eterosessuali di recente formazione è riferita una concordanza di genotipi HPV dal 45% al 64% (Benevolo M et al; Burchel A.N et al 2010).
  • Nelle donne affette da CIN 1 i rispettivi partner presentano lesioni HPV clinicamente rilevabili solo nel 50% degli uomini (Bosch X. 1996, Kjaer S. 2001).
  • La concordanza dei genotipi nelle coppie è funzione di diverse variabili sia di tipo comportamentale (frequenza, pratiche e durata dei legami tra sessuali, partner multipli), ma anche d’ordine biologico (diversa suscettibilità e capacità di clearance dei tessuti nei due sessi) e probabilmente anche di altri fattori non ancora ben compresi.
  • Talvolta la positività nella coppia può essere espressione di sola “contaminazione”, piuttosto che di una vera infezione.
  • L'infezione da HPV è differente tra donna e uomo? Sì, leggi il Capitolo "HPV tra uomo e donna"